Il castello di Herrenchiemsee

Print Friendly

 

castello di Herrenchiemsee panorama

Adoro i castelli e quello di cui vi parlerò oggi è assolutamente fantastico…

Il Castello di Herrenchiemsee

si trova sull’isola di Herreninsel, l’isola degli uomini,  ed è raggiungibile con un traghetto che parte dal porto di

Prien

veduta prien

Traghetto da Prien

 

Il Chiemsee è situato nel sud della Baviera, è il più grande lago bavarese, chiamato amichevolmente dagli abitanti dell’isola “mare bavarese”…

Chiemsee cartina

Sembra un gioiello incastonato nella natura incontaminata ed è abitato da un gran numero di uccelli acquatici…

Chiemsee

Prien vista dal lago
Prien in navigazione dal Chiemsee

Sul lago Chiemsee
Fraueninsel dal battello in navigazione

Durante la navigazione si incontra Fraueninsel,  l’isola delle donne, che ospita un convento di suore benedettine, circondato da magnifici giardini fioriti, con una chiesa romanica dall’insolita cupola a cipolla…

Fraueninsel

Sulla riva del lago Chiemsee
anatre nel lago Chiemsee

Appena si arriva… il Castello di Herrenchiemsee ci appare in tutta la sua mestosità, è l’ultimo grande progetto di Ludwig II ed è la più sfarzosa…

facciata castello herrenchiemsee

Un immenso parco copre l’intera isola e ci si perde letteralmente nel paesaggio… ammaliati da tanto silenzio rotto solo dal cinguettare degli uccellini…

Ragazza dai costumi tipici della baviera a spasso per il parco del castello di Herrenchiemsee
carrozza a cavallo nel parco del castello di herrenchiemsee

Il Castello di Herrenchiemsee è costituito solo da una parte centrale…

l’ala di sinistra inconpiuta è stata demolita e la parte destra non è mai stata realizzata…

La facciata del castello è una copia esatta del Castello di Versailles, è un inno alla potenza ed alla gloria del Re Sole, Ludwig fu sempre un profondo ammiratore di questa mitica figura…

Ludwig II

fontana dea latona

Davanti al castello c’è la fontana dedicata alla dea  Latona, decorata con figure mitologiche, con i suoi scintillanti giochi d’acqua…

Cigni bianchi e neri a spasso per i giardini del Castello di Herrenchiemsee
veduta laterale castello di herrenchiemsee

ai lati del castello di herrenchiemsee

La visita parte dallo scalone d’onore, ispirato alla scala degli ambasciatori di Versailles, ma sovrastato da un tetto in vetro che lo rende assolutamente moderno…

Scalone d'onore

La visita prosegue con la sala della guardia, ricca di marmi preziosi, raffinati stucchi d’ oro ed alabarde della Hartschiere, la famosa guardia reale…

Sala della guardia

La prima anticamera è completamente rivestita in legno bianco e oro…

Un magnifico armadio rimasto incompiuto colpisce per le decorazioni in bronzo dorato, la lavorazione con la tecnica del Boulle, il famoso ebanista del Re Sole, realizzato con gusci di tartarughe…

Prima anticamera


La seconda anticamera  ha finestre in forma ogivale come  il  Salon de L’Oeil de Boeuf di Versailles, la grande statua equestre raffigura il Re Sole e i quadri al muro ritraggono l’intera famiglia reale francese…

Seconda anticamera

La camera da letto di parata, secondo il cerimoniale di corte, è il luogo delle udienze, non una semplice camera dove dormire, ma il vero e proprio punto focale di tutto il castello…

camera da letto di parata

La camera da letto del re è in bianco ed oro,

con stucchi al soffitto e tende e rivestimenti in seta blu, il colore preferito del re…

camera da letto del re

Una sfera di vetro blu serviva da illuminazione notturna…

il letto è decisamente molto grande…  il re era alto 1 metro e 92…

Grande sfera luce blu

Ma il il vero gioiello del castello è la galleria  degli specchi,

che si estende lungo l’intero lato del giardino del castello…

la sala degli specchi

La galleria, con i suoi 98 metri di lunghezza, quella di Versailles è di appena 73 metri,

conta al suo interno 44 candelabri, 33 lampadari e oltre 1900 candele,

la cui luce si riflette in tutti gli specchi…

La galleria degli specchi

Immaginate lo spettacolare gioco di tutte quelle luci, che venivano accese tutte le sere…

herrenchiemsee castello luce particolare

Ludwig  trascorse un centinaio di giorni in questo castello,

ma la stanza degli specchi non venne mai utilizzata per fare feste, lui era sempre da solo…

La sala da pranzo  riprende il modello a forma ogivale del salone dell’Hotel de Soubise di Parigi …

sala da pranzo

Sotto un gigantesco lampadario di pregiata porcellana di Meissen …

un curioso tavolo da pranzo…

chiamato Tischlein-deck-dich, il tavolo che si apparecchia da solo,

una incredibile e ingegnosa macchina…

Tramite uno strano “marchingegno”… il tavolo veniva calato giù in cucina, apparecchiato e poi fatto risalire nella sala da pranzo…, perchè il re non voleva avere contatti con nessuno, tantomeno con la servitù…

Marchingegno per tavolo saliscendi

Stranamente…nel palazzo non esisteva la cucina ed il cibo preparato appositamente sulla terraferma, veniva portato al castello ormai freddo…

castello-di-herrenchiemsee veduta dall'alto

La vista che si apre sul lago e sulle vicine montagne fanno intuire il perché questo timido re amasse tanto questo posto, disinteressato agli affari di stato… si era rifugiato in un mondo di favole!

ludwig II di Baviera

Purtroppo non tutte le favole hanno un lieto fine e il re Ludwig II di Baviera morì prematuramente all’età di 41 anni,  dopo essere stato deposto dal trono per infermità mentale, senza aver realizzato tutti i suoi sogni…

il Castello di Herrenchiemsee non fu mai completato a causa della sua misteriosa scomparsa nel…

Lago di Starnberg

tramonto-a-lago-di-starnberg baviera

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You can se vuoi lascia un commento, or trackback from your own site.

2 Responses to “Il castello di Herrenchiemsee”

  1. These Maude Mustard Flats embody everything I love: bow-tie detailing, cute patterns, vegan leather, and not
    to mention, it’s honey yellow. However one should try knowing certain things before they actually start purchasing clothes from online shopping, because everyone must know
    what they are actually looking for. Daphne’s Hollywood (Herve Leger) because of its close to the body line “bandage” Herve Leger Bandage design and famous.

    Here is my webpage boutique dress stores nyc

  2. deck box white scrive:

    After a quick lunch and a brief nap back at the mobile home, we resumed fishing about three o’clock and fished all the way until dark.

    Wherever you go, different rules may apply, and some of them will be regional only.
    Of course, lots of methods have evolved to try to avoid spooking fish out
    of your swim or even stop them from stopping feeding in the possible case of some line
    shy fish, and having them leave your swim.

    Stop by my weblog; deck box white

Se lo desideri lascia un commento

rss
Powered by WordPress